Newfangled by Free Css Templates

Libri

Ginestra
Zhura - Ndër Zhura

di Antonio Romano


Non c’è futuro, erede, senza un passato, patrimonio. C’è, invece, un bisogno di Storia, non fredda, solo recupero di dati e di date senza legami, ma ricerca di fonti primarie, documenti-testimonianze e racconti, presentati in forma di narrazione dei fatti. C’è bisogno di Storia.
Forse e senza forse siamo vite alienate come se non ci appartenessero più, vite spezzate tra tecnica senza scienza e tecnicismi senza creatività, passione, gusto personale. Forse non vogliamo più sottrarci all’uso di tecnologia sbrigativa che sostituisce docenti e formatori, orientatori e pedagoghi. Le ragioni dell’anima stentano a ritrovare una propria strada e un percorso condiviso, vitale, creativo, esistenziale.
Una terapia? Proviamoci.
Tornare alle radici, alla dimensione affettiva ed umana, esistenziale e storica, perché storico è il tempo degli uomini e delle donne, può essere una strada. Il tempo e lo spazio – strutture ontologiche del pensiero, come le definisce il Kant - garantiscono i legami dell’uomo con il suo passato, consentono l’identità, lo studio, la libertà. Recuperare la memoria storica di un popolo significa guardare ai contesti locali e territoriali, alle fonti orali, a quelle scritte, ai documenti, alle tradizioni, alle storie personali e familiari. La storia stabilisce il legame critico con il passato, riflettendo sul presente, proponendo per il futuro. Allora la terapia consiste nel recupero dei valori della tradizione, stabilisce l’identità delle persone, le radici e l’appartenenza, riempire la vita di contenuti umani, di legami e di affetti, di relazioni e di significati, di incontri e dialoghi, come li immaginava il Masucci.
Il prof. Antonio Romano ha fatto lunga ricerca di anni. E’ stato più volte in Albania, patria delle comunità albanofone, ha raccolto dati, ha trovato documenti, ha ascoltato racconti, ha intervistato anziani, dentro la tradizione, ha conservato ricette, scattato foto, ha confrontato, ha studiato, ha riflettuto, ha scritto, riscritto, limato, definito.  
Questo libro è un saggio, descrittivo e narrativo, a carattere divulgativo. E’ storia di un popolo dalle sue origini, è organizzazione sociale dei suoi abitanti che insistono su un territorio, è insieme di tradizioni e di usi consolidati e rinnovati tenacemente da straordinario attaccamento alle radici, è visione critica dei legami e degli intrecci reali e mancati con l’economia, è rappresentazione visiva della sua cultura in senso lato, è etnologia per descrizione di legami e relazioni umane e per il carattere ispiratore che sorregge l’impianto dell’opera. L’autore lo dice chiaramente: questo libro è un dono. E il dono non dà nessuna garanzia di contropartita. Il dono è apertura, fiducia.
La presente opera di Antonio Romano, consegnata ai suoi di Ginestra (Ginestra un po’ anche mia), impegna a rendere maggiormente solidi i legami, a preservare e rinnovare, a ricercare, ad individuare soluzioni e lavorare per attuarle.Questo è il dinamismo che ad un libro generalmente viene richiesto: rigore nella ricerca storica, apertura verso gli altri, fiducia.

Pasquale Tucciariello


Antonio Romano
Laureato in Sociologia, autore di svariati articoli di socioeconomia, professore di Discipline giuridiche ed economiche.
Autore di Minibook per educazione finanziaria. Fondatore e primo Presidente della squadra di Calcio AP GINESTRA.
Progettista per conto dell’ASL Vulture nel 1984 della Casa di Pronta Accoglienza di Ginestra.
Tra i soci fondatori della Pro Loco di Ginestra.

 

 

 

Antonio Romano, Ginestra, Editrice Centro Studi Leone XIII
Rionero 2016, pagine 160 con foto a colori,
Euro 10 + Euro 2 contributo spese di spedizione
Richiedilo direttamente all'autore:
anda.romano@gmail.com
o entra nel sito www.antonioromano.org