Newfangled by Free Css Templates

IL FOSSO DELLA SIGNORA - TRATTO DA "RAcconti" - di Pasquale tucciariello

Il Fosso della Signora
di Pasquale Tucciariello

Traduzione inglese di Susanna Dubosas


Edizioni Centro Studi Leone XIII
(2017)
ordinazioni disponibili Qui

     “Il fosso della Signora” è il titolo del racconto di Pasquale Tucciariello, giornalista e scrittore, che verrà presentato a Rionero, sabato 5 Agosto 2017, alle ore 18,30 in Piazza Giustino Fortunato, per iniziativa del Circolo 73.
     Protagonista è “la Signora” (di lei non si conosce neanche il nome) che, in un tempo imprecisato della vita, tragicamente consumata nelle vallate di Rionero e di Atella tra il Vulture che si eleva a Nord e il Castello federiciano di Lagopesole a Sud, si presenta finalmente alla sua gente con una sua storia ed una sua vicenda. Di lei, della “Signora”, non si è mai saputo nulla. Veniva nominata, accostata “al fosso”, un burrone profondo lungo diversi chilometri che da un costone del Vulture correva fin quasi alle porte di Atella, buono a raccogliere grandi quantità di acqua discendenti dal monte. Con lei protagonista è una fanciulla, Serenella, unica privilegiata che raccontava di vedere, in particolari ore del giorno, galoppare su una superba cavalla “la Signora, comparire e scomparire quando discendeva lungo la gola profonda del fossato e l’attraversava, risalendo e subito riprendendo la corsa per svanire di nuovo lontano …prendendo chissà quali sentieri e dal quale ricompariva il giorno successivo, alla controra, sotto un sole caldo, accecante”. Questo racconto è tratto dal libro “Racconti”, di Pasquale Tucciariello, edito lo scorso anno dal Centro Studi Leone XIII di Rionero.
     “Il fosso della Signora” – The Lady of the abyss – è tradotto in lingua inglese da Susanna Dubosas. Per l’autore, “i racconti sono come il dialetto, spesso non riesci a tradurlo mai abbastanza correttamente nella sua straordinaria portata semantica, la lingua italiana non riesce a cogliere il significato più autentico, ogni termine dialettale racconta il suo mondo interiore, la sua religione, il suo spirito. I racconti sono ciò che il popolo sente”.                                                                                                                  
     Così di lui scrive il noto critico Carmen De Stasio: “…la parola utilizzata da Tucciariello risulta tanto denotativa che referente, tanto capace di esprimere la personalità del parlante o dei soggetti coinvolti nelle scene quanto i rimandi che ricompongono nella sua vivacità le sembianze di tante esistenze riportate, infine, in compresenza sulla pagina”. E aggiunge “Tutto ciò consente una vivacità particolare e ripone la sequenza dei racconti come episodi di esistenze che si ritrovano, ogni volta amplificate di conoscenza ulteriore e che permette di averne una panoramica rafforzata di volta in volta da una sobrietà descrittiva che dispone le vivenze in primo piano e mai dissociate dal proprio ambiente-luogo fisico. Così nuovamente tropico intendo il panorama esistenziale proposto da Tucciariello. Vite dei semplici – si direbbe ‒ intrise di vaganze pensative e immaginative che incastrano sogno e realtà immediata nella prospettiva vagante di tante storie in attesa di esser narrate. E ascoltate”.
     Alla presentazione, promossa dal Circolo 73 di Rionero, prenderanno parte, oltre all’autore, il sindaco di Rionero Luigi Di Toro, il presidente del Circolo 73 Riccino Traficante, il dirigente scolastico emerito Michele Pinto che terrà la relazione critica. Coordinerà la serata Antonio Giansanti, già sindaco di Rionero. Il fisarmonicista Gerardo Placido esibirà un suo repertorio classico a partire dalle ore 18. Dopo la presentazione del racconto, verranno offerte pizzette dai forni di Sant’Andrea di Atella, per iniziativa dell’Associazione Cavalieri del Vulture.

                                                                                                         Antonia Flaminia Chiari

 



Nelle edicole e nelle librerie
ordinazioni disponibili Qui

 

___________________________________________________________________________________

 

Pasquale Tucciariello, giornalista-pubblicista; già ordinario di Filosofia e Storia nel Liceo Classico di Rionero; direttore Radio R2R, Telecento, L'informatore del Vulture; corrispondente La Gazzetta del Mezzogiorno; direttore responsabile mensile di cultura Primula; autore del romanzo Storie, 1988; autore della sceneggiatura film Quinto Orazio Flacco, 1991; coordinatore del Centro Studi LEONE XIII; autore della tragedia Socrate, 2011; autore del libro di narrativa Racconti, 2016; Consigliere di orientamento scolastico e universitario dal 2005.
"Non fu brigantaggio. Ribellione. E non chiamateli briganti. Ribelli".

 

Susanna Dubosas nasce a Mansfield nel Nottinghamshire, Regno Unito, dove trascorre l'infanzia fino aalla maturità. Nel 1983 si laurea in Lingua e Letteratura italiana e Management presso l'università di Leeds nel Regno Unito. Nel 1998 consegue un master in Linguistica Applicata all'Università di Leicester. Dal 1987 insegna lingua inglese all'Università degli Studi di Basilicata, regione in cui vive da trent'anni insieme al marito e ai suoi due figli. In passato ha collaborato in diversi progetti scolastici mirati ad incrementare la conoscenza della lingua e cultura inglese del popolo lucano.
E' da sempre un'appassionata viaggiatrice, in particolare del continente europeo. Spinta dalla curiosità di conoscere da vicino la storia, la geografia e la cultura delle altre nazioni, studia e visita frequentemente molteplici località dell'Europa. Questo suo viaggiare le ha permesso anche di coltivare le lingue che ha appreso nel corso degli anni, oltre all'italiano, anche il tedesco e il francese.
"Ho accettato volentieri di tradurre questo racconto - versione italiana della leggenda di Robin Hood - perché mi piaceva essere partecipe alla divulgazione, anche oltre Atlantico, di un pezzo di storia che rappresenta il posto dove vivo. Mai avrei immaginato che il racconto, collocato tra storia vera e leggenda, potesse diventare sempre più seducente pagina dopo pagina".

____________________________________________________________________________________

 

Deriva dal libro RACCONTI
Racconti: Il fosso della Signora, Il ticchio di Vincenzuccio, Luci nel presepe, La bora e il calitrano, La bora in re minore, Prove di coraggio, Il barbiere di Siviglia, San Valentino, Il politico impertinente, Il monaco di Monticchio, Una messa per Carmine (Crocco).

____________________________________________________________________________________

 

 

ARgomenti correlati

 

Una Messa per Carmine, di Pasquale Tucciariello

 

di Rosella Tirico
 

L'avventura cinetica di Racconti
di Pasquale Tucciariello

Il brigante ed il ribelle

di Carmen de Stasio
di Ernesto Miranda

Una messa per Carmine
Riflessioni

Il Vulture impressionistico di Pasquale Tucciariello

di Antonia Flaminia Chiari
di Angela de Nicola

Su Racconti

I Racconti di Pasquale Tucciariello
di Antonia Flaminia Chiari
di Michele Traficante

I Racconti di Tucciariello

Su Racconti
di Emanuele Vernavà
di Primalda Forcignanò

Su Racconti

 

di Graziella Placido
 

 

Centro Studi
LEONE XIII

Contatti